Like a Big Red oolong

Il tè di cui parlerò oggi, che come avrete capito dal titolo, è stato lavorato ispirandosi al prestigioso ”Big Red Robe”,anche chiamato Da Hong Pao, che viene prodotto nel Fujian da dove proviene anche il tè che ho provato io,  non avendo molte altre informazioni riguardo questo tè ho avuto il vantaggio di berlo senza pregiudizi e condizionamenti di alcun genere affidandomi cosi solo ai miei sensi.
Come per i tè precedenti anche per quanto riguarda questo tè se ho avuto la possibilità di provarlo è stato grazie alla carissima amica Francesca che me lo ha regalato.

Le foglie secche sono piccole ed appuntite ed hanno un profumo penetrante che ricorda molto quello del cioccolato fondente.

Le foglie secche

Le foglie secche

Per quanto riguarda l’infuso questo tè è davvero sorprendente perchè dal punto di vista dei sapori la sequenza delle infusioni è stata davvero molto movimentata.
Le prime due infusioni (in acqua a 95 °C per 30 secondi) sono davvero molto robuste e  ricche di gusto, il cioccolato già presente al naso per quanto riguarda le foglie secche ritorna in bocca accompagnato da note più fresche, dopo aver terminato di bere al palato rimane un pizzico di astringenza che però subito va via lasciando il posto ad una sensazione di freschezza.
Man mano che però si continua con le infusioni il sapore del liquore si fa sempre più gentile e delicato assomigliando sempre più ad un tè verde, scompare man mano la presenza del cacao per lasciar spazio a note dolcemente erbacee e floreali con una riminiscenza di castagna molto piacevole.
Anche il colore dell’ infuso inizialmente di un arancio carico vira con il passare delle infusioni ad un verde paglia.
Una cosa che ho notato è che questo tè è capace davvero di dare una grande carica (un po’ come gli Assam)  quindi penso sia un tè molto indicato per il mattino.
In conclusione posso dire che questo tè oltre ad averlo trovato buonissimo, è stato davvero molto piacevole da seguire nelle sue evoluzioni con l’aumentare delle infusioni tantevvero che quando lo bevevo avevo sempre voglia di farne un’altra infusione proprio per il gusto di scoprire cosa veniva dopo…un po’ come se stessi leggendo le pagine di un buon libro.

 

Proposte d’ascolto

Come ho detto la bevuta di questo tè è stata molto movimentata allora mi va di proporre un nuovo genere musicale che a me personalemente piace moltissimo, ovvero l’Electro Swing che è caratterizzato da ritmi davvero molto coinvolgenti.

Il primo è un pezzo del musicista austriaco Parov Stelar (pseudonimo di Marcus Füreder) che è senza dubbio uno dei maggiori esponenti di questo genere.

Questo genere si sta diffondendo pian pano anche in Italia quindi come secondo pezzo mi va di inserire gli ”Swingrowers” un gruppo italiano che mi piace tanto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...