Pensieri del tè

Da molto molto tempo una mia mania è quella di accumulare libri di qualsiasi tipologia e genere in formato digitale (epub, mobi, pdf etc…). Ne avrò raccolti migliaia in modo molto confuso ed in modo altrettanto confuso li conservo (tanto che non so proprio bene cosa abbia e cosa no, fortuna che esiste la barra ” cerca” di Windows) e non riuscirei a leggerli tutti nenche in una vita intera ma mi piace l’idea che qualora mi dovesse servire improvvisamente di consultare un libro oppure mi nascesse il bisogno o la curiosità  di leggerne uno in particolare io ce l’ho già lì bello e pronto.
Tutto questo per dire che qualche giorno fa mentre cercavo in questa moltitudine qualche libro che mi potesse interessare  il mio occhio è caduto su di uno che nel titolo conteneva la parola ”tè” ovvero ”Pensieri del tè” di Guido Ceronetti. La curiosità è stata troppa e non ho potuto fare a meno di buttare uno sguardo.
Appena aperto subito mi hanno folgorato le prime due pagine, che fanno da introduzione al resto del libro che è una raccolta di aforismi, quelle parole mi hanno sorpreso e colpito moltissimo e perciò ho deciso di condividerle con voi (le cose migliori si trovano per caso quando meno te l’aspetti, a me succede sempre cosi).
Non le commento sia perchè non sarei proprio la persona adatta a farlo sia per lasciare ognuno libero di farsi trasportare dal testo in piena libertà e senza condizionamenti, la lettura è sempre un qualcosa di intimo e personale.

Due volte al giorno, verso le sei del mattino e le cinque della sera, tazza ripetuta di Tè verde della Cina arriva con la sua infallibile virtù unitiva, confirmativa, risuscitativa, a disincagliarmi e a preservarmi da ogni specie d’inerzia, d’inebeti-mento, di abbattimento.
Messaggi clandestini, che trovano orecchio, avvolti in carta di riso, della Luce.
Non sono un Orientale. I miei gesti rituali non vengono dai Maestri; somigliano piuttosto ad un’abitudine carceraria, continuata negli anni. In piedi, sempre, vicino ad una finestra con la tendina scostata… Ma di Oriente orientante mi resta la fiducia che nell’uscire in giusta misura da se stessi, e abitualmente, non c’è nulla di pericoloso, e che vedere, sentire e incontrare spiriti non è inquietante.
Lo Spirito del Tè comincia appena disceso ad operare. Leggere pressioni interne, agopunture invisibili, scatti tempestivi del sensorio, sampàn di lumettini, coloriture improvvise di silenzi, un susseguirsi puntuale di eccitamenti che vanno dall’occhio interno (che forse è un orecchio o una mano) lungo le disirrigidite vertebre, al coccige resurrecturo. Allora nel buio molte finestrine tornano vive, e le parole faticano meno a ritrovare il loro principio negli spazi lontani. Pace del massaggio, radice del suono, bontà dello strofinamento occulto. Guardare da una pausa di connessione quel che è sconnesso e lacerato, è un momento senza morte. Fare arretrare di appena un poco il margine del finito, per molte ore rischiara.
Nel combattimento per contrastare mentalmente quel che nel tempo è verificabile come aggressione materialmente incontrastata della tenebra, da làmine liberatrici che il Tè aiuta a ritrovare e a decifrare, imparo a non aborrire in eccesso le tenebre, per non distruggere le poche possibilità di penetrarne il segreto.
Senza curiosità disperate in continuo movimento, la disperazione non avrebbe limiti.
Il soffio del Tè s’infonde negli angoli morti, non si sgomenta d’interrogare statue imbracate. Tra le crepe dell’arido introduce qualche sua goccia, allo scolorito ridà figura. Grattando le buche abbandonate ne fa uscire qualche suono di ribàb incantato. I pensieri non miei diventano miei con molta facilità; quelli miei chiunque se vuole può farli proprii, qualunque sia il suo eccitante, senza bisogno di nome: il pensiero non pronuncia né Tuo né Mio.
L’uomo beve il Tè perché lo angoscia l’uomo.
Il Tè beve l’uomo, l’erba più amara.

Annunci

4 pensieri su “Pensieri del tè

  1. Pingback: il tempo di leggere » LunedìLink 2015 (7)

  2. Pingback: Incontri in letteratura | Quello che mi passa per la tazza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...