Qualcosa sul rapporto tra musica e tè

”Prima parlavate del senso della nostra vita, del disinteresse della arte…Ecco per esempio la musica…la musica è legata ben poco alla realtà, o meglio, anche se è legata lo è meccanicamente come un suono vuoto senza associazioni e tuttavia la musica per un qualche miracolo penetra l’animo umano. Cosa risuona in risposta al rumore elevato ad armonia? E come si trasforma nella fonte di un immenso piacere che unisce e commuove? A cosa serve questo e soprattutto a chi? Risponderete a nessuno ed a nulla…cosi disinteressatamente…no è improbabile perchè tutto in fin dei conti ha um senso”

Queste parole pronunciate dallo Stalker, protagonista dell’omonimo film di Tarkovskij al quale sono molto affezionato, (se volete vedere la scena l’ho caricata appositamente per voi su youtube e potete vederla a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=RqmHcc0QC98 ) appena le sentii per la prima volta mi risultarono come un qualcosa di familiare, un pensiero che forse in maniera più confusa e con una forma diversa avevo da tempo nella mia testa e che forse  fu messo in ordine proprio da questa sorta di monologo.

Penso che se c’è un legame tra tè e musica è proprio in questa direzione che bisogna ricercarlo.
Il tè in definitiva non è altro che foglie infuse in acqua più o meno calda che in questo modo rilasciano una quantità molto vasta e varia di sostanze che singolarmente non ci direbbero nulla ma che agendo in concerto riescono a fornirci le piacevoli senzazioni che noi ben conosciamo, se ci pensate in fondo questo non è dissimile da ciò che avviene con la musica dove una nota presa singolarmente non significa molto ma tante note messe nel verso giusto commuovono ,emozionanano e sono fonte di unione (riprendendo un po’ il discorso dello stalker) proprio come il tè… la chiave sta proprio nell’armonia che si crea tra gli elementi che riescono cosi a ”penetrare l’animo umano”… e poi come nella musica si riflette lo stato d’animo di chi la compone e di chi la esegue cosi anche la preparazione di una tazza di tè è lo specchio dello stato d’animo di chi appunto la sta preparando.

Questo è un po’ quello che penso io sull’argomento e che, forse anche in modo un po’ ingarbugliato, avevo voglia di condividere con voi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...