Archivi tag: Africa

Malawi Livingstone’s Twist & Dry Oolong Tea

Come avrete notato ormai è da mesi che il blog procede a singhiozzi prendendosi delle lunghe pause per poi dare segni di vita quando ne capita l’occasione, purtroppo temo che questo prendere e lasciare continuerà ancora a lungo perchè il momento che sto attraversando non è dei migliori ed ormai scrivo solo per divagarmi, evadere e nulla più. In ciò mi è d’aiuto il fatto che per me il ”mondo” del tè è sempre stato un luogo il più possibile distaccato dalla vita reale (e ho sempre cercato che rimanesse tale), un posto in cui si conoscono altre persone che però con la vita di tutti i giorni hanno poco a che fare, un posto in cui essere se possibile diversi e dove mostrare alcuni aspetti della propria personalità che magari nella vita reale vengono taciuti.

Fatta questa doverosa premessa, vi dico che però teisticamente parlando in questo periodo cose buone ci sono state e una di queste è stata scoprire lo shop online What-Cha, mi è piaciuto molto la sua filosofia e quindi ho deciso di acquistare due tè: un Oolong nepalese ed un altro proveniente dal Malawi, in più il proprietario mi ha inviato molto gentilmente un campioncino omaggio di un tè verde coreano che sembra davvero molto interessante ma che non ho ancora provato.

Quello di cui vi parlerò oggi è l’oolong del Malawi che precisamente si chiama ” Malawi Livingstone’s Twist and Dry Oolong Tea”, è stato chiamato cosi in onore dell’esploratore David Livingstone. Questo tè viene prodotto dalla Satemwa un’ azienda con sede a Thyolo che pratica la coltivazione del tè nel sud del Malawi gia dal 1923 e che da pochi anni si è lanciata anche nella produzione di tè artigianali (come appunto l’oolong di cui vi parlerò). In particolare questo tè è stato coltivato nella zona delle Shire Highlands ad un altezza di ca. 900 mt, è il primo anno che la Satemwa produce questo tè.
In questo video potete vedere un veduta dall’alto della piantagione:

Le fosglie secche di questo Oolong

Le foglie secche di questo Oolong

Le foglie secche hanno uno spiccato aroma di cacao, mentre linfuso dal colore tendente al rosso è predominato da note maltate molto ma molto evidenti che per certi versi ricordano alcune birre d’abbazia, a queste note maltate si aggiunge anche nell’infususo un tocco di cacao.
Se avessi bevuto questo tè alla cieca ad un primo sorso avrei di certo esclamato mato ”Ma che buon tè rosso!” o comunque qualcosa di simile tanto è notevole la somiglianza a primo impatto tra un tè rosso e questo Oolong. Ma questo tè come detto è un semiossidato e questa sua caratteristica la rivela nel finale, in quel retrogusto che lascia trasparire note fruttate tanto piacevoli quanto però di breve durata, bisogna stare attenti a coglierle 😉
Il profumo delle foglie bagnate invece è sorprendente perchè composto da un mix di frutta tropicale davvero unico e che non avevo mai avvertito in nessun oolong prima di questo.
In definitiva un buon tè, non male per essere la mia prima esperienza con un tè africano, forse un tè che andrebbe un po’ ingentilito ma che forse va anche bene cosi, di sicuro un tè diverso da qualsiasi altro Oolong mi sia capitato di assaggiare fino ad oggi.

Le foglie dopo l'infusione, ad occhio mostrano una ossidazione eterogenea.

Le foglie dopo l’infusione, ad occhio mostrano una ossidazione eterogenea.

Nei prossimi giorni cercherò di parlarvi del Nepal Silver Oolong, un altro tè che ho preso da What-Cha e che mi è piaciuto tantissimo!

Come al solito abbino un po’ di musica al tè di cui ho parlato, stavolta tocca a questo pezzo qui 🙂

Annunci